mercoledì 30 novembre 2016

Il successo letterario del momento!


È arrivato anche qui, per gentile omaggio dell'Autore, il romanzo più controverso del momento! Un successo inatteso, che ha travalicato i confini della piccola -- ma presto Grande, se vince il Sì -- Italia per arrivare fino alla Mèrica. Scritto in un linguaggio semplice, comprensibile anche alla massaia di Voghera (con figlio disoccupato di 40 anni), il romanzo affronta tuttavia alcune tematiche che da sempre fanno parte del bagaglio della letteratura e filosofia con la L maiuscola... cioè, anche la F... vabbeh insomma: chi siamo? da dove veniamo? dove andiamo? è lecito che qualcuno abbia idee diverse dalle nostre? (ATTENZIONE SPOILER: la risposta è no). La trama è lineare, classica, lontana dalle atmosfere del Finnegans Wake che sarebbero più congeniali al Nostro, ma conservando in ogni caso una notevole efficacia soprattutto nel tratteggiare i paesaggi urbani odierni, con le dimesse, eppure potentemente simboliche, quasi minacciose serie di cassonetti. La grafica, con sapiente intelligenza che stavolta strizza l'occhiolino alla fascia più colta della popolazione (per par condicio con la casalinga di Voghera), richiama espressamente gli stilemi dei manifesti di propaganda politica vuoi del secondo, vuoi del sesto decennio del secolo XX. Ma comunque, resta il fatto che siamo tutti d'accordo con lui: ai Senati andranno assolutamente sottratte le lettere A e T.

Hymnsmouth, vv. 33-35

. . .

She Maiz, reel!

Or apron obiis

Et unctam sanctam
                    cathodicam

. . .

lunedì 28 novembre 2016

Umberto Saba, "The Inspired"


The Inspired (L'ispirato)

All, provided scare does not get me down,
I am light. And all things of creation
come to me combined in such odd ways
that my sense catches hidden connections.

But I do fear: fear the war of chances,
of Man against me and my inwardly-
imprisoned shapes, which I free. Too sweet
my days on earth would otherwise be.

Either about inhuman loves or destiny
pensive, I carry almost all life within.
Such is my gift, such my punishment.

Not wishing not to have been born, nor
untimely death, I wish the work that is
my Fate might be fulfilled: Having lived.

giovedì 24 novembre 2016

Aggiornamento s-culturale

Cassius Clay Death
schizzo preparatorio per Theuniverse

A sx e al centro: Poeloongerian artifact e il vaso raffigurante Newt York

Per la raccolta completa vedi qui.

mercoledì 23 novembre 2016

Hymnsmouth, vv. 25-32

. . .

Ivory Towel

Sed e-sapientia

Ark of Covent Garden

Mattress of Love

Splendor of Carmen

Queen of Peas

Mother of Hour-Saving

"Eve," the opposite of "Eve"

. . .

lunedì 21 novembre 2016

(As)saggi(ni): Inventa un dinosauro. . . e uccidilo







Si aggiunge un nuovo meraviglioso capitolo alla saga di graphic novel Love della premiata ditta Frédéric Brrémaud (storia) e Federico Bertolucci (disegni): "I dinosauri". Una storia tenera e feroce che si svolge all'immediata vigilia del -- dibattuto -- impatto con il micidiale asteroide.
La storia è tutta da leggere, anzi da percorrere con lo sguardo perché, come nel celebre manga Gon, non c'è una sola parola scritta e tutto è raccontato esclusivamente per immagini.

Quanto alle ricostruzioni degli animali preistorici, Bertolucci si tiene in equilibrio tra le versioni classiche più consolidate e le attuali tendenze trendy: le penne dei piccoli carnivori, i poderosi colli dei grossi erbivori, ecc. Ma soprattutto adotta un proprio stile, elegante, dinamico, potente, il che farà sì che i suoi dinosauri, come quelli di Zallinger o quelli della Fantasia Disney, non invecchieranno mai neppure quando l'estetica della Paleo Art prenderà qualche nuova direzione.

La storia è 'generalmente' ambientata in Nordamerica, ma con qualche intruso, vedi il cameo dello Yi Qi. Il grosso sauropode tra i protagonisti dovrebbe essere un Alamosaurus o Sauroposeidon, ammenocché non sia un Isisaurus immigrato dall'India (se ci si basa sulle schede grafiche al fondo del volume). Avrei osato un tantino di più sul Parasaurolophus, tipo "sacche musicali" agganciate alla cresta.

Delizioso l'incipit, che sembra ambientato nel presente, poi tutt'a un tratto si fa un balzo dimensionale e temporale.

Umberto Saba, "The Brute"


The Brute (Il violento)

Where's a higher, more human heart than mine
in the world, that my love embraces whole?
Deaths and ruins characterize my trail,
for ever, as far as the eye can reach.

There lifts itself my hand for a blessing,
and all, descending, it crushes 'n' squashes.
I come back to myself after love-hunting
longing for blood, furious with suspicion.

Who, walking, fears like me that any plant
may be stepped on by his foot---a little flower?
Then I cut throats, and rape, and create disasters.

One sole thing still preserves me to a life
so hateful: your very divine smell,
O humble holy abused creatures.

giovedì 17 novembre 2016

(As)saggi(ni): la Divina Commedia in cartoline


Una delle più originali tra le mille iniziative legate al poema dantesco nei secoli è la sintesi in 100 cartoline postali realizzata nel 1906 dall'allora notissimo tipografo Virgilio Alterocca di Terni. La cultura al prezzo di un francobollo. Le illustrazioni erano tratte dall'edizione Alinari realizzata a cavallo tra Otto e Novecento: vari artisti italiani contemporanei si cimentarono con la Commedia, con risultati altalenanti. Primeggiano su tutti (ma, tanto per cambiare, NON furono quelli più onorati dalla giuria del concorso Alinari) Alberto Martini, Duilio Cambellotti, Libero Andreotti, Alfredo de Carolis.

Ma interessantissima è anche la biografia di Alterocca, protagonista a vari livelli nella società italiana che stava mutando: politico, benefattore, stampatore, agente teatrale... Un mondo in cui si muovevano e spesso si confondevano anarchici, socialisti, "liberali" (che significava un po' di tutto), massoni, monarchici, grossi interessi industriali, artigiani in crisi, masse operaie, corsi di formazione gratuiti, arresti di "pericolosi" cittadini, cinema e varietà.

Ormai tanti saluti alle buone cartoline di un tempo. Però, tutto sommato, questo è un post, che deriva pur sempre da "posta".

Pompeo De Angelis, Divina Commedia. Le cartoline illustrate di Virgilio Alterocca, Dalia edizioni, Terni 2014, 32 pagine introduttive + una pagina per cartolina, 25 euro

mercoledì 16 novembre 2016

lunedì 14 novembre 2016

Umberto Saba, "The Lustful"

Original translations from Umberto Saba's set of short poems I Prigioni, 1924 (The Captives; a title after Michelangelo's famous "unfinished" sculptures).



The Lustful (Il lussurioso)

I was as a kid the first in every game;
always, as if equipped with wings,
aiming upwards. Now all good, all evil
I lock in one thought---which I won't tell.

Out of myself all joys but one I leave,
of heaven and earth; to my mortal ardour
a trunk as a punishment was given, where
Love bound me defenceless, naked.

Ouch, such cruel excruciating knots
penetrate so sweetly my living flesh
that I would refuse freedom if offered.

Better that in new ways they were
tightened by Love around my limbs so
as to spurt young blood, I would like.